Beibut Atamkulov - Diplomazia del Kazakhstan: benefici al paese, agli affari nazionali e a ogni cittadino

Sono passati 27 anni da quel momento storico, quando nel 1992 il Primo Presidente della Repubblica del Kazakhstan - Elbasy - Nursultan Nazarbayev ha firmato un decreto che approva le disposizioni "Sul Ministero degli Affari Esteri della Repubblica del Kazakhstan", "Sull'Ambasciata della Repubblica del Kazakhstan" e "Sui principali doveri e diritti dell'Ambasciatore Straordinario e Plenipotenziario della Repubblica del Kazakhstan". Così iniziò una nuova pagina interessante nella storia della diplomazia kazaka.

In tutto questo tempo sotto la guida del Primo Presidente - Elbasy, il Kazakhstan ha sviluppato un proprio modello di politica estera, unico e pragmatico. Alla sua base c'è un approccio multi-vettore ed equilibrato alla cooperazione con gli stati dell'Occidente e dell'Oriente, dell'Europa e dell'Asia. E non importa quanto il mondo sia cambiato negli ultimi decenni, il nostro paese continua a seguire le priorità precedentemente designate sulla scena mondiale.

La stabilità in collaborazione con i partner e la fedeltà ai principi strategici sono diventati un segno distintivo riconoscibile della nostra diplomazia. Nel suo discorso inaugurale il presidente della Repubblica del Kazakhstan, Kasym-Zhomart Tokayev, ha sottolineato: "Il Kazakhstan ha acquisito grande prestigio e si è affermato come un paese pacifico e aperto, un partner affidabile e responsabile negli affari internazionali. Continueremo a seguire la linea costruttiva multi-vettore della politica estera".

Nel corso di questi anni, il Kazakhstan si è presentato attraverso numerose iniziative efficaci nel campo della sicurezza internazionale, del dialogo e della cooperazione. Sono sia la sicurezza nucleare globale che la non proliferazione delle armi di distruzione di massa, la partecipazione alla creazione di autorevoli organizzazioni internazionali, come OCS, OTSC, CICA e altri, il rafforzamento del dialogo tra le religioni, un efficace processo di pacificazione e assistenza umanitaria ai paesi bisognosi.

L'elenco può continuare. È importante che in un brevissimo periodo storico siamo passati dal riconoscimento, alla piena partecipazione agli affari internazionali. Il nostro paese ha dato e continua a dare un contributo costruttivo alla soluzione dei problemi regionali e globali dell'ordine mondiale moderno. Il Kazakhstan assume consapevolmente una posizione proattiva a livello internazionale, promuovendo iniziative e idee pragmatiche, molte delle quali sono state implementate molto tempo fa.

Il Kazakhstan costruì coscientemente intorno a sé una cintura di buon vicinato e un affidabile sistema di relazioni con tutti gli stati del mondo e le organizzazioni internazionali. Di conseguenza da molti anni il nostro paese si posiziona chiaramente come un partner autorevole e affidabile, un convinto sostenitore della pace, un pilastro della stabilità regionale e un conduttore del dialogo internazionale.

E tutto questo capitale costruttivo di politica estera viene costantemente trasformato in benefici economici tangibili e benefici per lo sviluppo. Ad esempio, oltre 300 miliardi di dollari di investimenti diretti nell'economia kazaka, portati in questi decenni, parlano meglio di tutto di fiducia in noi della comunità internazionale. La fiducia che il Kazakhstan ha guadagnato con un lavoro costante, decisioni razionali sulla politica estera e responsabilità nella cooperazione internazionale.

Allo stesso tempo il ruolo della repubblica nei processi geo-economici globali sta aumentando ogni anno sempre di più. Attualmente, grazie alla costruzione della moderna Via della Seta, il nostro paese collega con successo le remote regioni della Grande Eurasia e si sta affermando come un ponte terrestre tra i tre oceani: il Pacifico, l'Atlantico e l'Indiano. Ciò cambia radicalmente le prospettive economiche del Kazakhstan e apre nuove opportunità di sviluppo.

Di conseguenza l'interesse internazionale al nostro paese come partner vantaggioso aumenta di anno in anno. Grazie alla stabilità interna e allo sviluppo delle infrastrutture, la consegna di merci in Europa dall'Asia via Kazakhstan e il ritorno ora richiede un tempo 4 volte minore rispetto alla consegna tradizionale via mare. C'è già un risultato concreto: le entrate del nostro paese dal transito nel 2018 hanno superato $1,5 miliardi e si prevede che raggiungeranno $5 miliardi in futuro.

Grazie alla cintura di vicinato e alla strategia estera ben ponderata, il Kazakhstan sta diventando la porta d'accesso principale e un importante componente di transito nel commercio continentale in Eurasia. Il paese della Grande steppa, grazie alla crescente rete di comunicazioni, unisce vantaggiosamente i grandi mercati europei, asiatici e mediorientali e costituisce la base di una nuova geo-economia continentale. Questo è un vero esempio di conversione dei risultati della politica estera in veri e propri dividendi economici.

Il nostro mondo sta vivendo un periodo di rapida trasformazione. È già stato riconosciuto che le tecnologie, l'economia e l'ordine sociale stanno cambiando in modo complesso e dinamico. In questo contesto il Capo dello stato ha definito un chiaro vettore di attività internazionali. "Promuoveremo fermamente gli interessi nazionali sulla scena internazionale. L'attività di politica estera del paese porterà benefici concreti al paese, agli affari nazionali, a ogni cittadino", ha osservato il Presidente nel suo discorso inaugurale.

E grazie all'esperienza accumulata e alla professionalità dei dipendenti il Ministero degli affari esteri kazako si sta rapidamente adattando alle mutevoli realtà globali. Continuiamo la cooperazione costruttiva per promuovere il dialogo e rafforzare la sicurezza. Allo stesso tempo, a sostegno della crescita dell'economia nazionale, la diplomazia si concentra rapidamente sulla promozione degli interessi economici dello stato nelle nuove condizioni internazionali.

Come sapete, uno dei fattori trainanti della crescita e della diversificazione dell'economia è rappresentato dagli investimenti diretti, dai progetti industriali che li accompagnano e dal trasferimento di tecnologia. Gli investimenti favoriscono la creazione di nuovi posti di lavoro, il miglioramento della qualificazione delle risorse umane del Kazakhstan, l'introduzione di innovazioni e anche l'aumento delle entrate fiscali nel bilancio dello stato.

Nel contesto dell'attuale crescente concorrenza internazionale per il capitale di investimento, il Kazakhstan ha adottato una nuova tattica di collaborazione con investitori stranieri. In risposta alle nuove tendenze nel mondo, nel paese si sta costruendo un nuovo ecosistema per attrarre e trattenere gli investimenti.

Oggi il Ministero degli Affari Esteri della Repubblica del Kazakhstan è stato incaricato di coordinare le attività di investimento a tutti i livelli - regionale, nazionale e internazionale. Il dicastero si concentra pragmaticamente sulla sincronizzazione dell'interazione di tutte le organizzazioni e dipartimenti governativi competenti, utilizzando le loro conoscenze e l'esperienza accumulata.

Importante è il fatto che uno degli enti chiave, il Comitato per gli investimenti, è passato in competenza del Ministero degli Affari Esteri della Repubblica del Kazakhstan. Oggi l'intero potenziale di lavoro accumulato di questa struttura è implementato nell'attività diplomatica quotidiana di tutte le 93 missioni estere del Kazakhstan. Ciò fornisce loro ulteriori strumenti e meccanismi per attrarre investimenti stranieri.

Il Kazakhstan si pone un compito serio: consolidare la stabilità degli afflussi di investimenti esteri diretti, rendendo il paese il più attraente possibile per le aziende leader a livello mondiale. Nell'architettura aggiornata del lavoro con gli investitori cresce significativamente il ruolo del Consiglio degli investitori stranieri presso la Presidenza della Repubblica del Kazakhstan. Per più di 20 anni il Consiglio è stato impegnato con successo ed efficienza nella risoluzione di problemi strategici per garantire il clima di investimento necessario. È diventato una piattaforma autorevole per lo scambio diretto di opinioni, idee e proposte con lo scopo di migliorare l'immagine di investimento del nostro paese.

La prossima 32° riunione plenaria del Consiglio degli investitori stranieri con la partecipazione del Capo dello stato intende portare a un nuovo livello il lavoro del Kazakhstan nell'attrarre gli investimenti esteri diretti nell'economia nazionale attraverso lo sviluppo del capitale umano. Le attività del Consiglio sono ora coordinate dal Ministero degli Affari Esteri e nelle nuove condizioni i diplomatici kazaki faranno di nuovo tutto il possibile per trasformare le opportunità di politica estera raggiunte negli anni in un promettente effetto economico. Esperienza, competenza e conoscenze, come dimostra la storia del nostro Ministero, per questo ci sono.

Created at : 4.07.2019, 10:00, Updated at : 4.07.2019, 10:00